DATA LITERACY: LA CULTURA DEL DATO PER AFFRONTARE SKILLS IN CAMBIAMENTO

Le aziende Data Driven sono quelle che hanno maggiori possibilità di emergere nel mercato che verrà. La Cultura del Dato consente di interpretare le informazioni e prendere atto del loro valore, nelle organizzazioni come tra i cittadini

In questo articolo si parla di:

In un’azienda Data Driven è importante mantenere una divulgazione e trasformazione dei dati attraverso una corretta Cultura del Dato, che in inglese possiamo riassumere con il termine Data Literacy. Integrare le facoltà delle skills aziendali con la cultura del dato significa avere la capacità di leggere, comprendere e comunicare lo stesso, e concentra tutte quelle attività coinvolte in questo processo.

“L’alfabetizzazione dei dati non è semplice lettura statistica, ma prevede skills specifiche per la comprensione di dati manipolati e allo stesso tempo implica una interpretazione del loro significato”

Data Literacy e Data Science

La Data Literacy non è importante solo per le aziende, ma anche per i cittadini che utilizzano i dati come fonte di informazione per effettuare le loro scelte. Mezzi automatizzati e soft skills sono alla base della Scienza dei Dati – o Data Science – oggi divenuta centrale per massimizzare qualsiasi azione di marketing e scambio/offerta di servizi e prodotti.

Skills e aziende Data Driven

L’alfabetizzazione dei dati non è semplice lettura statistica, ma prevede skills specifiche per la comprensione di dati manipolati con grafici e tabelle – ad esempio – e allo stesso tempo implica una interpretazione del loro significato. Tuttavia, le sole figure professionali in grado di svolgere questi compiti non bastano per fare di un’azienda un’organizzazione Data Driven. Occorre che vengano messi in pratica anche alcuni modelli per coinvolgere, inserire e calibrare questo tipo di professionalità.

MACHINE LEARNING: 3 TIPI DI APPRENDIMENTO PER L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Come vengono elaborati i dati nella Machine Learning? Esistono modalità differenti di apprendimento automatico e ognuna insegna alla macchina dei modelli di comportamento che portano risultati altrettanto differenti in termini di qualificazione e predittività delle informazioni trapelate In questo articolo si parla di: La Machine Learning, o apprendimento automatico, è una branca dell’intelligenza artificiale che, … Continua a leggere MACHINE LEARNING: 3 TIPI DI APPRENDIMENTO PER L’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

JULIANA ROTICH: LA TECNOLOGIA INFORMATICA AL SERVIZIO DELLE POPOLAZIONI SVANTAGGIATE

Nel 2008 viene creato un software che consente di monitorare eventi ad alto rischio umanitario e ambientale. Ushahidi, questo il nome del programma open source creato da Juliana Rotich, apre nuove soluzioni per coniugare la tecnologia con attività di controllo su territori teatro di crisi climatiche e geo-politiche In questo articolo si parla di: Juliana … Continua a leggere JULIANA ROTICH: LA TECNOLOGIA INFORMATICA AL SERVIZIO DELLE POPOLAZIONI SVANTAGGIATE

TRASPARENZA E INTEROPERABILITA’ DEL DATO: LINKED OPEN DATA E VALORIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI DI PUBBLICO DOMINIO

Pubblica amministrazione e non solo. Gli Open Data rappresentano un patrimonio di valore stabile e dalle diverse potenzialità. Quello che contraddistingue tuttavia l’utilità di un dato, come aveva già intuito Tim Berners-Lee, è la sua interoperabilità con altri dati In questo articolo si parla di: I Dati Aperti, o Open Data, sono dati accessibili al … Continua a leggere TRASPARENZA E INTEROPERABILITA’ DEL DATO: LINKED OPEN DATA E VALORIZZAZIONE DELLE INFORMAZIONI DI PUBBLICO DOMINIO

I passaggi per diventare un’azienda Data Driven

Le fasi essenziali per ottenere un risultato soddisfacente in direzione Data Driven sono conformate nel modo che segue. Nella prima fase l’azienda riconosce l’utilità dei dati per perseguire determinati obiettivi di business e cerca profili adatti a mettere in pratica tali finalità. Tale fase è molto importante, perché è quella conoscitiva del sistema di Data Literacy e da dove provengono le ispirazioni per il lavoro che verrà fatto successivamente. In tale fase l’azienda può avvalersi sia di risorse interne sia di partner esterni.

La fase in cui la Data Literacy si sviluppa nel pieno è quella centrale, dove vengono messe in opera le capacità delle figure professionali scelte. In questa fase avviene solitamente lo scatto che mette in pari skills e tecnologia e una presa di coscienza dell’importanza del Dato. In alcuni casi l’azienda decide, a seconda dei casi, di allineare le tecnologie con gli effettivi bisogni di analisi e interpretazione del dato. Infine, la fase conclusiva viene delineata da azioni di stabilizzazione delle competenze e tecnologie apprese, dalla scelta di dare priorità ad alcuni processi piuttosto che ad altri e da una pervasività della Cultura del Dato nell’organizzazione aziendale.

Author: Claudia Sistelli

© Riproduzione Riservata

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...